it | en

Cambiamento climatico

Azioni di ADAttamento

Il cambiamento climatico e gli impatti che ne derivano, in atto e previsti, rendono necessaria l’adozione di misure per favorire una maggiore resilienza delle attività agricole. Sono azioni di adattamento tutte quelle pratiche che mirano a prevenire e/o ridurre i rischi climatici. Molte di queste misure possono avere effetti positivi anche sul piano della mitigazione (ovvero sulla riduzione delle cause dei cambiamenti climatici, nello specifico le emissioni di gas serra), a dimostrazione del rapporto sinergico e non complementare che lega questi due concetti.

Di seguito viene proposta una raccolta di azioni di adattamento, elaborate grazie al contributo di esperti in campo agronomico, meteoclimatico, economico ecc. Per ognuna di esse sono presenti alcune voci esplicative che permettono di valutare l’applicabilità delle singole azioni alla propria azienda agricola, nello specifico: filiera agro-alimentare, rischio climatico, ambito di azione, contributo alla mitigazione, difficoltà tecnica, dimensione aziendale ideale, efficacia, orizzonte temporale e costi/benefici.

Filiera

Rischio climatico

Clicca qui per approfondire.

Ambito di azione

Filtri

Seleziona le Filiere
Seleziona i Rischi climatici

Clicca qui per approfondire.

Seleziona gli Ambiti di azione
Il frangivento o frangivento vivo o quinta arborea è l'insieme di alberi e/o arbusti perenni disposti secondo una particolare sistemazione "a filare", in particolare sui bordi sopravento, atta a riparare le coltivazioni dal vento.
ll biochar è carbone vegetale che si ottiene dalla pirolisi di diversi tipi di biomassa vegetale.
Il mantenimento o ripristino di elementi naturali che delimitano il confine di campi o delle aziende stesse rallenta i movimenti dell'acqua dal suolo ai corpi idrici e riduce l'erosione dovuta all'acqua e al vento.
Riguardo ai sistemi che prevedono la cessione diretta di calore all'ambiente esistono i cosiddetti bruciatori a combustione di GPL.
La cenere proveniente da residui organici lignocellulosici è un ammendante ricchissimo di nutrienti.
Le coltivazioni arboree associate ad erbacee o consociazioni miste sono state piuttosto comuni, soprattutto in passato.