it | en

Networking

In questa sezione è possibile trovare progetti riguardanti agricoltura, adattamento o mitigazione ai cambiamenti climatici con i quali si è entrati in contatto per condividere esperienze, best-practices, tools e risultati e per arricchire ed orientare efficacemente il progetto Life ADA.

Coordinatore: Unipol Gruppo

Partner: ANCI, CINEAS, Città di Torino, Coordinamento Agende 21 locali italiane ed Unipolsai

Durata: da settembre 2015 a settembre 2018

Derris

Il progetto Derris offre una serie di risposte concrete, creando un ponte tra il mondo assicurativo, la Pubblica Amministrazione e le aziende.

L’obiettivo è quello di fornire alle Piccole Medie Imprese gli strumenti necessari per ridurre i rischi da alluvioni, smottamenti, tifoni, ondate di caldo o gelo, e per fare ciò intende:

  • Trasferire conoscenze dall’assicurazione alla PA e alle PMI su risk assessment e risk  management di eventi legati al cambiamento climatico
  • Realizzare un tool di auto-valutazione per misurare il rischio e adottare misure di  prevenzione e di gestione delle emergenze nelle aziende
  • Sviluppare forme innovative di partnership pubblico-privato tra l’assicurazione, la PA e le imprese, per incrementare la tutela del territorio e l’aumento della resilienza
  • Studiare strumenti finanziari innovativi che permettano di muovere capitali dedicati alla riduzione dei rischi

AgriAdapt

L’obiettivo generale del progetto LIFE AgriAdapt è la dimostrazione che tre dei più importanti sistemi agricoli nell’UE (bestiame, seminativi e colture permanenti) potrebbero essere più resistenti al clima attraverso l’attuazione di misure di adattamento fattibili e sostenibili che potrebbero anche avere trasversalità positive e benefici ambientali. Gli obiettivi specifici del progetto sono:

  • Sviluppare e testare una metodologia comune (strumento di supporto alle decisioni)
  • Testare misure sostenibili e approcci di gestione in 126 aziende agricole pilota
  • Promuovere misure di adattamento sostenibili tra agricoltori, associazioni di agricoltori, consulenti tecnici, organizzazioni di standard alimentari e società di assicurazione agricola
  • Aumentare la consapevolezza e formare gli agricoltori attuali e futuri sulle opzioni di adattamento sostenibile a livello di azienda agricola
  • Trasferire le migliori pratiche e il know-how alle parti interessate del settore politico, agricolo e alimentare e contribuire allo sviluppo e all’attuazione delle politiche dell’UE, nazionali e regionali

Coordinatore: Bodensee-Stiftung – Internationale Stiftung fr Natur und Kultur

Partner: EESTI MAAULIKOOL / Estonian University of Life Sciences, Estonia Fundación Global Nature, Spagna SOLAGRO, Francia

Durata: da settembre 2016 ad aprile 2020

Coordinatore: Alma Mater Studiorum – Universit di Bologna – Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agro Alimentari

Partner: Alce Nero S.p.a, Italy Municipality of Cento, Italy KILOWATT SOC. COOP., Italy LIFE CYCLE ENGINEERING srl, Italy

Durata: da ottobre 2018 a marzo 2022

Great Life

L’obiettivo del progetto Great Life è quello promuovere un modello di produzione e di consumo sostenibile, volto a fronteggiare gli effetti negativi del cambiamento climatico sulle attività agricole della Valle del Po e di tutto il Nord Italia. Tale modello prevede da un lato la sostituzione di colture con un elevato fabbisogno idrico e che mal si adattano al cambiamento climatico, come il mais, con colture già adattate a climi caldi e aridi, come il miglio e il sorgo, e dall’altro il potenziamento della domanda di alimenti resilienti e sostenibili attraverso la creazione di una comunità del cibo fatta di persone attente alla propria salute e a quella del pianeta.  

In particolare, GREAT LIFE si focalizza su 3 obiettivi strategici che riguardano:

  • Sviluppo di pratiche agricole sostenibili, attraverso l’adozione di un modello agricolo a basso input e della rotazione colturale secondo i principi dell’agricoltura conservativa  
  • Costruzione di una comunità di persone sensibili al problema dei cambiamenti climatici per comprendere meglio le loro necessità e le loro abitudini di consumo, per disegnare una strategia di comunicazione e di vendita più efficacie e per rafforzare la strategia di penetrazione del mercato dei prodotti resilienti
  • Ricerca e sviluppo di alimenti a base di miglio e di sorgo e analisi di gradimento dei consumatori per tali alimenti in due diversi contesti: mercato alimentare al dettaglio e mense scolastiche

 

Pastoralp

Il progetto Life Pastoralp (Pastures vulnerability and adaptation strategies to climate change impacts in the Alps – LIFE16 CCA/IT/000060) mira a ridurre l’impatto dei cambiamenti climatici sui sistemi pastorali alpini, aumentandone la resilienza e riducendone la vulnerabilità.
In particolare, il progetto si propone di:

  • Individuare e testare misure di adattamento
  • Aumentare la consapevolezza delle comunità locali sui cambiamenti climatici (capacity building)
  • Promuovere strategie di gestione dei pascoli alpini che siano efficaci e sostenibili anche dal punto di vista socio-economico


Il risultato finale sarà una piattaforma di strumenti (LIFE PASTORALP platform tools) per facilitare l’adozione di strategie di adattamento nei due parchi coinvolti (Parco Nazionale del Gran Paradiso e Parc National des Ecrins), in linea con gli obiettivi della “Area prioritaria dell’adattamento al cambiamento climatico” dell’UE. Le strategie e gli strumenti sviluppati nell’ambito di questo progetto potranno essere impiegati facilmente e con successo in altre aree pastorali delle Alpi occidentali.

Coordinatore: Dip. di Scienze Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali (DAGRI), Università di Firenze (UNIFI)

Partner: Agenzia Regionale Protezione Ambiente Valle d’Aosta (ARPA VDA), National Center for Scientific Research (CNRS), Institut Agricole Régional (IAR), Institut National de Recherche pour l’Agriculture l’Alimentation et l’Environment (INRAE), Parc National des Ecrins (PNE); Ente Parco Nazionale Gran Paradiso (PNGP)

Durata: da ottobre 2017 a 30 marzo 2022

Coordinatore: Fondazione Edmund Mach

Partner: Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Cipro e Slovenia

Durata: da ottobre 2021 a settembre 2022

MEDCLIV

L’obiettivo del progetto MEDCLIV è la creazione di hub nazionali in sei Paesi del Mediterraneo (Cipro, Francia, Italia, Portogallo, Slovenia, Spagna). Questi hub consentiranno agli attori della filiera vitivinicola di collaborare sul tema del cambiamento climatico. Gli hub condividono la stessa impostazione interdisciplinare e si propongono di far partecipare il territorio.

Il settore vitivinicolo è uno dei motori economici e culturali dei popoli mediterranei. Nelle regioni in cui la coltivazione della vite fa parte del paesaggio agricolo e del patrimonio economico-sociale, i cambiamenti climatici possono influire pesantemente sul ciclo produttivo ed avere grandi ripercussioni sugli abitanti. Occorre dunque pianificare strategie di adattamento e mitigazione.

Gli hub intendono riunire i diversi attori della catena del valore della vite e del vino (VWVC) al fine di condividere il know-how, le idee, le soluzioni, le prospettive sui problemi comuni per:

  • aumentare la consapevolezza e la comprensione scientifica degli impatti provocati dai cambiamenti climatici
  • ricercare soluzioni e opportunità nella direzione della resilienza
  • ridurre le emissioni di gas serra


Agrestic

Il progetto “LIFE AGRESTIC – Reduction of Agricultural GReenhouse gases EmiSsions Through Innovative Cropping systems”, che si inserisce all’interno del più ampio obiettivo di mitigazione del cambiamento climatico del LIFE Programme for the Environment and Climate Change 2014-2020 (finanziato dall’Ue), promuoverà l’adozione di sistemi colturali innovativi ed efficienti, ad alto potenziale di mitigazione del cambiamento climatico, e contribuirà alla diffusione di visioni e strumenti innovativi per un’agricoltura più efficiente e attenta agli impatti sul clima.

“LIFE AGRESTIC” ha lo scopo di promuovere l’adozione da parte degli agricoltori europei di sistemi colturali innovativi ed efficienti, basati sull’uso di leguminose e catch crop in grado di mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici. 

LIFE AGRESTIC si svolge in Italia (Emilia – Romagna, Toscana e Puglia) e si focalizza sull’inserimento di leguminose e catch crop nelle rotazioni di cereali e colture industriali (pomodoro e girasole), per ridurre le emissioni di gas serra, incrementare il sequestro del carbonio e la disponibilità di azoto organico. 

Svilupperà, inoltre, un innovativo strumento di supporto alle decisioni (DSS) per una gestione efficiente dell’intero sistema colturale (rotazioni pluriennali di diverse colture), razionalizzando l’utilizzo di input esterni (fertilizzanti azotati, fitofarmaci ecc.) e risorse non rinnovabili (suolo e carburanti) e aumentando/mantenendo rese, qualità e sicurezza dei prodotti.

Coordinatore: Horta srl

Partner: Università Cattolica del Sacro Cuore, ERVEST SpA, New Business Media srl, Scuola Superiore di Studi Universitari e di Perfezionamento S’Anna, ISEA srl

Durata: da gennaio 2019 a giugno 2023

Coordinatore: Spanish Association of Conservation Agriculture Living Soils (AEACSV)

Partner: Asaja Sevilla, the Ministry of Agriculture, Livestock, Fisheries and Sustainable Development, the European Conservation Agriculture Federation (ECAF), the Andalusian Institute of Agricultural Research and Training (IFAPA), University of Córdoba

Durata: da settembre 2018 a dicembre 2022

LIFE Agromitiga

Sviluppo di strategie di mitigazione dei cambiamenti climatici tramite un’agricoltura a gestione intelligente del carbonio

Il progetto LIFE Agromitiga intende promuovere un sistema agricolo a basse emissioni di carbonio volto a migliorare la capacità di mitigazione del suolo in quanto serbatoio di carbonio. Il progetto includerà inoltre la valutazione dell’impatto delle diverse pratiche di agricoltura conservativa e la quantificazione della capacità di mitigazione dei sistemi di gestione del suolo nel bacino del Mediterraneo (Grecia, Italia, Portogallo e Spagna), con riferimento sia alle colture erbacee che perenni.

Il progetto si concentra sullo sviluppo di un metodo per calcolare l’impronta di carbonio nelle diverse fasi della coltivazione, in linea con gli standard internazionali, e di uno strumento per quantificare l’aumento del carbonio nel terreno derivante dalle migliori pratiche di gestione del suolo. Questo permetterà di migliorare significativamente le conoscenze sul tenore di carbonio dei terreni agricoli, nonché di dimostrare che l’agricoltura conservativa consente di ridurre le emissioni di gas serra nel bacino del Mediterraneo. Inoltre, il progetto promuoverà l’implementazione di sistemi di gestione del suolo volti alla mitigazione del cambiamento climatico attraverso azioni di formazione e sensibilizzazione.

LIFE DOP

LIFE DOP (Demonstrative mOdel of circular economy Process in a high quality dairy industry) è un progetto LIFE co-finanziato dalla Commissione Europea, localizzato a Mantova, nel centro della filiera di produzione del formaggio Grana. Ha l’obiettivo di sviluppare e dimostrare un nuovo modello di produzione per il Grana Padano DOP e il Parmigiano-Reggiano DOP, in grado di ridurre l’impatto ambientale della produzione.

Come indica chiaramente la letteratura (IPCC 2006), un’area rilevante dell’emissione di gas climalteranti nella produzione di latte è la gestione dei liquami e dei nutrienti, e queste sono aree chiave in cui è importante investire per ridurre gli impatti. 

Nel progetto LIFE DOP  punti qualificanti di intervento per la riduzione delle emissioni sono la corretta gestione dei reflui (stabilizzazione con digestione anaerobica), l’uso efficiente del digestato in campo con distribuzione in presemina e copertura attraverso tecniche di iniezione e micro-fertirrigazione, la produzione di fertilizzanti rinnovabili per l’export in zone a bassa intensità zootecnica, la produzione di mangimi a basso impatto (tecniche di minima lavorazione) e infine l’ottimizzazione della gestione delle stalle e dei processi in caseificio.

Coordinatore: Consorzio Latterie Virgilio

Partner: Università degli Studi di Milano, Associazione Mantovana Allevatori, Consorzio Gourm.it, Cooperativa Agricola San Lorenzo, Consorzio Agrario del Nordest

Durata: da settembre 2016 a marzo 2021