it | en

Azioni di ADAttamento

Sovescio con brassicacee

Descrizione

Utilizzata in particolare in caso di nematodi nel suolo, ma più in generale per una disinfezione dell’ambiente tellurico. Solitamente vengono impiegati rafano o senape. Le sostanze biocide liberate da una brassicacea sovesciata sono estremamente volatili e dotate di un’emivita piuttosto breve, ciò si traduce nel fatto che non si verifichino fenomeni di deriva o di bioaccumulo. Inoltre l’effetto biocida della pianta non pregiudica in alcun modo l’azione propria del sovescio, ovvero quella di proteggere il suolo con una copertura vegetale tra una coltura principale e la successiva e quella di apportare sostanza organica. Infine l’azione risulta essere piuttosto immediata perciò capace di agire sommariamente sulle popolazioni più consistenti di comunità telluriche senza creare un vuoto biologico.
Si ottiene quindi una sorta di epurazione a partire dalla quale sarà possibile una ripopolazione più equilibrata da parte degli organismi superstiti. L’azione più armonica è quella che si ottiene attraverso le miscele di essenze, soprattutto in caso di inerbimenti temporanei o permanenti di colture pluriennali.

Caratteristiche

Filiera interessata:

Ortofrutticola

Rischio climatico:

Danni fitosanitari, Eccesso idrico, Precipitazioni intense, Siccità

Ambito di azione:

Acqua, Gestione agronomica, Suolo

Azione di mitigazione:

Difficoltà tecnica:

Media

Applicabile ad aziende di dimensioni:

Piccole, grandi

Efficacia dell'azione rispetto a:

Danni fitosanitari
Alta
Siccità
Bassa
Eccesso idrico
Bassa
Precipitazioni intense
Bassa

Orizzonte temporale rispetto a:

(Riferito all’efficacia dell’azione da un punto di vista economico, agronomico e ambientale)

Danni fitosanitari
Lungo termine: da 7-10 anni o più di 10 anni
Siccità
Breve termine: 1 anno o ciclo colturale
Eccesso idrico
Breve termine: 1 anno o ciclo colturale
Precipitazioni intense
Breve termine: 1 anno o ciclo colturale